Salve Rustiani eccoci un’altra volta con il devblog settimanale. Grosse news sono giunte questa volta!

Attualmente sto lavorando ad un progetto parallelo a playrustitalia, insieme a degli amici, a breve vi farò sapere qualcosa. Cosa centra con Rust e la nostra comunità? Beh si parla di una multigaming che potrà fornire anche forse un server di gioco, quindi direi che ci interessa come cosa no? In questo momento, mentre scrivo, stiamo già testando se il server gira e tutto. Stay Tuned!!!

Come sempre vi invito a supportarci con qualche donazione, anche piccola. Tutte le donazioni verranno usate per sostenere i costi del sito e del teamspeak.

Se siete proprietari di server italiani, seguite gli step scritti nella pagina della lista server per poter essere inseriti!

Buona settimana e buona lettura!

INSTABILITA’ SERVER – FIX

Era presente un problema con i server, dopo che 50 persone avevano joinato nel server ed erano passate alcune ore, lentamente le persone nel server iniziavano a perdere la connessione con esso.

Dopo molto tempo pare l’abbiano fixato.

SERRATURE NON FUNZIONANTI – FIX

Per alcuni errori nel sistema le serrature non veniva salvate nelle porte, quindi chiunque poteva entrare anche se erano presenti.

Problema ora risolto.

NUOVE GIACCHE

Xavier ha creato delle nuove giacche. Per ora ne è stata inserita solo una ma nel future ce ne saranno di vario genere.

FUCILE D’ASSALTO

Paul, Tom, Goosey ed Helk hanno provato il fucile d’assalto in game. E’ un ak47, ma probabilmente non verrà chiamato così in game per varie ragioni. Forse perchè ha il calcio fatto a manico di una pala.

TRAPPOLA PER ORSI

Uccideranno sia i giocatori che gli animali. Dovrebbe essere divertente vedere come si comportano inserendole nella difesa di una casa, rendendo tutto più interessante.

AIRDROP – FIX

Gli airdrop venivano rilasciati tutti nel centro della mappa e non potevano essere utilizzati. Ora possono essere utilizzati e vengono rilasciati in zone casuali della mappa.

Inoltre ora i pacchi hanno del loot di valore al loro interno che potrete trovare anche in altre zone di loot.

BLUEPRINTS

Come nella legazy, partirete con poche cose che saprete creare. Avrete bisogno di trovare e studiare nuovi blueprint per imparare a creare cose nuove che non siano di base.

Notizia importante è quella che si può decidere al wipe se i blueprints studiati resteranno per ogni giocatore o se resettarli. In futuro si vuole rendere possibile entrare in qualsiasi server e avere sempre i soliti blueprints che si erano studiati in quello precedente, senza doverli trovare di nuovo.

Qui sotto una lista non tradotta degli oggetti che potete craftare da subito:

  • Tool Cupboard
  • Building Plan
  • Wood storage
  • Camp Fire
  • Furnace
  • Sleeping Bag
  • Paper
  • Low grade fuel
  • Burlap Shirt, Shoes, Trousers
  • Key Lock
  • Urban Boots, Pants
  • Vagabond jacket
  • Hammer
  • Stone Hatchet
  • Bandage
  • Wooden Spear
  • Assault Rifle
  • Bone Knife

RADTOWNS

Quello che vedete sono solo degli oggetti piazzati per prova, presi dallo store unity. Si sta valutando cosa funzioni e cosa abbia senso usare negli oggetti già presenti nello store, prima di crearne di nuovi da zero (perdendo altro tempo, ndr). Dicono di voler più interni per permettere ai giocatori di entrare nelle costruzioni che vedono.

La città funziona molto similmente alla versione legacy. Ci sono delle costruzioni, dei loot e le radiazioni.

Queste cose sembrano un attimo strane perchè stanno ancora sperimentando come la mappa procedurale possa piazzare queste cose nella creazione automatica della mappa, oltre a modificare il terreno così da far sembrare che quelle costruzioni e gli oggetti sono li da molto tempo. Pare ci siano delle GROSSE idee per le RADTOWNS.

BARILI CASUALI

Questi sono dei semplici “””””segnaposto””””” che verranno rimpiazzati/rimossi al posto dei monumenti con loot.
Li vedrete comparire casualmente nella mappa. Rompendoli troverete oggetti o blueprints.

Fanno sempre parte del lavoro legato alle radtowns per fare uno scopo alle persone di esplorare l’isola, rendendo possibile l’acquisizione di nuovi blueprints. NON SARANNO BARILI PER SEMPRE.

TUTTO IL RESTO

Puntando verso il basso si può ridurre il rinculo, accucciandosi lo si riduce ulteriormente, le armi ora hanno un rinculo più alto rispetto a prima.
Il fucile ora spara dove mirate seguendo la gravita, non ha più un cono di mira.
Ora i corpi dei giocatori spawnano la roba al loro interno quando distrutti.
Ora le cose lootabili non risultano più sempre occupate.
Il codice di blocco ora viene visualizzato nello status.
Menu in apertura è stato sistemato.
Ora i giocatori dovrebbero ricevere più informazioni sulla posizione.

LINUX

Si scusano con gli utenti linux ma c’è un bug con Unity 5 Beta che fa crashare il gioco al suo avvio sulla loro piattaforma. Speano di risolvere per il prossimo devblog, l’unico modo per chiedere scusa a questi utenti è dir loro che stanno cercando di risolvere il problema in modo rapido!

PROSSIMO DEVBLOG

Ottimi progressi, a loro parere stanno “”volando”” con gli aggironamenti. Il gioco è finalmente divertente da giocare, a loro dire. Da quando non ottengono più segnali di errore dall’EAC e da Steam Auth Timeouts i server sono più stabili e prestanti – anche con 200 persone.

Nel prossimo devblog vedremo sistemazioni di bug e bilanciamento del gioco. Puntano a sostituire tutta la vecchia interfaccia con della roba nuova. Ci saranno novità anche per quanto riguarda i danni, l’annegamento, l’andare a fuoco e il sanguinamento a livello di interfaccia, così da sapere quando qualcosa di brutto sta accadendo al vostro corpo.

  • Grandiosi! Continuate così, sarò il primo a donare e far partre del vostro server di gioco! 😉

  • Forza!

  • Ragazzi io giocavo prima a rust,adesso non gioco più per vari motivi ma mi sta rivenendo la voglia di giocarci ma ho un PC un po messo male,mi potreste gentilmente dire le caratteristiche che deve avere un PC per giocare senza avere problemi di FPS e di RAM ??grazie;)
    PS.vi seguo sempre siete magnifici se riuscirò in futuro vi faro una donazione perché ve la meritate;)

  • Dario Paolacci